I monitor per il computer non sono tutti uguali. Principalmente si distinguono per la tecnologia utilizzata nella realizzazione del pannello.

Se parliamo di monitor led sono tre quelle piú utilizzate TN, IPS e VA. Chi sta scegliendo un monitor per il fotoritocco, che ha a cuore l’accuratezza del colore, la nitidezza e brillantezza, la corretta resa dei dettagli e del contrasto dovrebbe orientarsi su un pannello IPS, acronimo di IN PLANE SWITCHING.

Il miglior monitor per il fotoritocco trova il giusto equilibrio tra risoluzione, profondità e precisione del colore e, ovviamente, prezzo. Quando valutiamo i migliori monitor per la fotografia, diamo la priorità alla profondità del colore e all’accuratezza del colore, quindi alla risoluzione, quindi giudichiamo se il prezzo giustifica questa combinazione.

Ad esempio, un monitor con un vero pannello a 10 bit, un’elevata copertura AdobeRGB e una risoluzione 4K è davvero difficile da trovare a meno di 3000 euro.

Altri fattori giocano un ruolo: la connettività USB-C si trova ormai su quasi tutti i modelli,  la possibilità di controllare al volo diversi spazi colore, di regolare la luminosità di picco estrema, l’oscuramento locale dell’array. In piu’ avere un colorimetro integrato aiuta a giustificare un prezzo alto, soprattutto se si desidera modificare il contenuto HDR

In questo articolo definiremo quali sono le caratteristiche che deve avere un buon monitor per il fotoritocco e per il video editing, per ottenere il meglio da programmi come Photoshop, After Effects, Premiere, ma anche da altri software di painting e modifica delle immagini digitali in 3D come MAYA e 3DS MAX.

 

Caratteristiche di un monitor per fotoritocco

Ci sono una serie di cose che dobbiamo controllare prima di acquistare il monitor per fotografia che useremo per i nostri lavori di editing digitale. Ecco le piú importanti.

Pannello del monitor

come abbiamo già spiegato precedentemente il pannello IPS è quello piú indicato per i monitor che usiamo per il fotoritocco. Senza entrare nei dettagli del funzionamento specifico.

I monitor con pannello IPS hanno angoli di visione che non distorcono la visuale da nessuna angolazione, forniscono la migliore esperienza visiva senza variazioni significative di colore e contrasto sia in direzione orizzontale che verticale.

I pannelli IPS hanno dunque una maggiore profondità del colore (fino a 10 bit, possono scegliere da una tavolozza di oltre un miliardo di colori) rispetto alla maggior parte dei display TN o VA e supportano una gamma di colori più ampia , spesso coprendo tutti o quasi gli spazi colore Adobe RGB e DCI-P3. 

Gli schermi IPS ovviamente non raggiungeranno mai gli stessi livelli di nero degli OLED . Ma ci sono differenze tra IPS e IPS anche nei livelli di nero. Purtroppo non esiste una misurazione standardizzata per questa caratteristica.

Se stai guardando contenuti particolarmente scuri in una stanza buia, sarai in grado di notare una luce che “brilla” dietro gli angoli dello schermo. Questo è un effetto collaterale atteso causato dalla luce in eccesso che passa attraverso il pannello Ips.

C’è da dire che i pannelli VA hanno rapporti di contrasto migliori rispetto agli IPS, per questo motivo vengono spesso utilizzati nella realizzazione dei televisori. Un monitor IPS standard ha un rapporto di contrasto statico di 1.000:1, mentre un’alternativa VA ha circa 3.000:1, o anche superiore.

MONITOR-FOTORITOCCO

Quindi, i neri saranno notevolmente più profondi sui monitor VA. Da poco sono arrivati i primi pannelli IPS Black prodotti da LG Display, che dovrebbero aumentare il rapporto di contrasto statico a circa 2.000:1.

Spazio colore

Uno spazio colore è una gamma definita di colori. Un fattore importante nella valutazione di un monitor da utilizzare nel fotoritocco è determinare in quali spazi colore specifici lavorerai e quale percentuale di colori in un dato spazio colore è in grado di mostrare il monitor.

Gli spazi colore comuni citati nelle specifiche dei produttori di display includono sRGB, Adobe RGB, DCI-P3, NTSC e Rec. 709. I fotografi saranno più interessati a sRGB e Adobe RGB, poiché sono stati sviluppati pensando a foto e immagini fisse.

DCI-P3 è orientato alla proiezione di video digitali. NTSC, sviluppato dal National Television Standards Committee (NTSC), copre una gamma simile ad Adobe RGB. E Rec.709, uno standard per HDTV, è ampiamente utilizzato nei progetti video. Il suo spazio colore è identico a quello di sRGB; la differenza sta nelle loro curve di risposta del tono  per tenere conto delle differenze nella luce ambientale.

La maggior parte dei monitor professionali dispone di modalità immagine dedicate, accessibili tramite il display su schermo (OSD) del pannello, per sRGB, Adobe RGB e DCI-P3 e testano la loro copertura del colore in tutte e tre le modalità. Se sei solo un fotografo o un editor di foto, puoi ignorare i risultati DCI-P3, ma entreranno in gioco se lavori con i video. 

Risoluzione

se stai utilizzando un monitor piccolo, sotto i 24 pollici, può andar bene anche una risoluzione full HD. Oltre è mandatorio acquistare almeno un monitor che abbia almeno una risoluzione di 2K.

Su modello da 32 pollici, specie se è un monitor ultrawide, in poi sarebbe opportuno un ULTRA HD o 5K.

I monitor Oled

I monitor OLED (Organic Light-Emitting Diode) differiscono dai monitor LED (Light-Emitting Diode) principalmente per la tecnologia utilizzata nella retroilluminazione e nella produzione dei pixel. Ecco le principali differenze e perché i monitor OLED tendono a costare di più:

  1. Tecnologia di retroilluminazione:
    • OLED: In un monitor OLED, ogni singolo pixel emette luce propria, eliminando la necessità di una retroilluminazione separata. Ciò consente un controllo più preciso dei singoli pixel e una migliore riproduzione del nero, in quanto i pixel possono essere completamente spenti quando necessario.
    • LED: Nei monitor LED, la retroilluminazione è fornita da una serie di diodi emettitori di luce posti dietro il pannello LCD. Anche se esistono varie tecnologie LED come Edge-LED e Direct-LED, la retroilluminazione è comunque una sorgente di luce uniforme per tutto lo schermo.
  2. Qualità dell’immagine:
    • OLED: Grazie alla capacità di ogni singolo pixel di emettere luce propria, i monitor OLED offrono una qualità dell’immagine superiore con neri più profondi, contrasto più elevato e colori più vividi e accurati.
    • LED: Anche se i monitor LED possono produrre immagini di alta qualità, la presenza della retroilluminazione può influenzare negativamente il contrasto, specialmente nei neri, e la uniformità della luminosità su tutto lo schermo.
  3. Flessibilità del design:
    • OLED: Poiché i pixel OLED emettono luce propria, i monitor OLED possono essere più sottili e flessibili rispetto ai monitor LED, consentendo design più eleganti e innovativi.
    • LED: I monitor LED sono spesso più spessi a causa della necessità di una retroilluminazione separata.
  4. Costo di produzione:
    • La tecnologia OLED è più complessa e costosa da produrre rispetto alla retroilluminazione LED tradizionale, il che porta a un prezzo di vendita più elevato per i pannelli OLED.

 

La tecnologia OLED può avere un leggero vantaggio in termini di rapporto di contrasto e migliori prestazioni sull’ angolo di visualizzazione, ma ci sono ottimi monitor per il fotoritocco che si basano sulla tecnologia IPS.

Entrambi le tecnologie possono essere imprecise sulla gestione del colore , ma almeno l’OLED con un rapporto di contrasto di 2 milioni a uno ha maggiori possibilità di precisione rispetto ai display LCD IPS che hanno un rapporto di contrasto da 1200 a 1500 a uno.

 

Miglior monitor per fotoritocco

la nostra scelta è andata su:

BenQ PD2700Q

Questo monitor da 27″ viene fornito con una profondità di colore di 10 bit e uno spazio colore RGB standard (sRGB). È nitido, chiaro, luminoso e l’abbagliamento è minimo o nullo. I suoi 1,07 miliardi di colori (rispetto ai 16,7 milioni di monitor simili) a 2560 x 1440 sono un notevole miglioramento rispetto a un monitor con una risoluzione massima di 1920 x 1080.

La modalità CAD/CAM vi permette di lavorare con software come SOLIDWORKS, PTC Creo e CATIA. L’impostazione passa dalla modalità sRGB alla modalità CAD/CAM con un contrasto più elevato che mette in risalto il lavoro al tratto e gli schizzi. Quindi è un ottimo monitor per cad.

Gigabyte M27Q

Si tratta di un monitor con un focus critico sul colore è uno dei modelli più convenienti sul mercato che offre una buona copertura Adobe RGB (il 95%). E’ inclusa un’impostazione di emulazione sRGB con luminosità regolabile, ciò offre un tracciamento più stretto di sRGB. Questo è combinato con una risoluzione di 2560 x 1440 (WQHD o 1440p) che offre una densità di pixel rispettabile . Lo schermo supporta anche il true color a 8 bit senza dithering.

Gigabyte M27Q 27 inch, KVM, Gaming Monitor QHD (2560 x 1440) 170 Hz, Black

Price: 285,83 €

31 used & new available from 245,26 €

È supportato il VESA DisplayHDR 400, che è solo un livello HDR di base. Non c’è attenuazione locale o miglioramento del contrasto, la luminanza di picco è piuttosto limitata dagli standard HDR e la copertura DCI-P3 è incompleta. Per scopi HDR non di riferimento, questo potrebbe essere considerato adeguato, tuttavia, consente al monitor di sfruttare al meglio la sua gamma per i contenuti HDR10 permettendo il supporto del colore a 10 bit, con l’aiuto del dithering GPU. Il monitor supporta 170 Hz e Adaptive-Sync per VRR, con tempi di risposta competenti.

ASUS ProArt Display PA278QV 

Altro monitor di fascia economica ottimamente sfruttabile per chi fa del photo editing la sua professione. Calibrato in fabbrica e certificato Calman, potrebbe non farti ottenere numeri AdobeRGB o DCI-P3 sorprendenti (nessuno dei due è nemmeno menzionato), ma si confronta favorevolmente con il suo principale concorrente, il BenQ PD2700Q .

Manca di alcune funzionalità interessanti, come la connettività USB-C, la risoluzione 4K o il controllo del frame rate (FRC) che molte aziende utilizzano per aumentare i loro convenienti pannelli a 8 bit a una simulazione di 10 bit. Ma il prezzo è giusto, il DeltaE pubblicizzato è < 2 e la copertura del 100% di sRGB ti porterà dove devi andare, soprattutto se stai producendo solo contenuti per il consumo online. Con la tecnologia di visualizzazione che avanza a passi da gigante, speriamo di vedere molto presto più concorrenza in questa fascia di prezzo. Per ora, se stai cercando il miglior monitor economico per il fotoritocco, ASUS PA278QV è la strada da percorrere.

 

BenQ SW271C

Qui saliamo di prezzo e di molto. Siamo oltre i 1000 euro per uno dei miglior monitor per fotoritocco.

Questo display IPS da 27 pollici soddisfa tutte le aspettative di chi lavora con la grafica digitale: risoluzione 4K, HDR e ottimo supporto del colore. BenQ afferma di poter gestire il 100% della gamma sRGB e anche il 99% per Adobe RGB. E con una luminosità fino a 350 nit, dovrebbe essere abbastanza luminoso per i gusti della maggior parte degli utenti.

Grazie al fatto di essere un pannello IPS, gode di un angolo di visione di quasi 180 gradi in orizzontale e in verticale e ha un contrasto nativo di 1.000:1 per neri profondi e bianchi netti. Non è il display più grande in circolazione, ma 27 pollici è abbastanza ampio per apprezzare i dettagli offerti dalla risoluzione ultra-HD e dal supporto HDR.

Con tutta una serie di opzioni di connessione, da USB-C a HDMI 2.0 e DisplayPort 1.4, puoi scegliere come connettersi al PC. Gli strumenti di calibrazione integrati assicurano una personalizzazione totale.

MSI Prestige PS341WU

Stupendo monitor Ultrawide 5K dal prezzo non proprio “leggero”. Questo modello da 34 pollici è progettato specificamente per risultati cromatici di prim’ordine. Offre supporto per 16,7 milioni di colori (98% della gamma di colori DCI-P3) precalibrato per ottenere i migliori risultati, insieme al software Creator OSD di MSI per la gestione delle impostazioni dello schermo per soddisfare i tuoi standard unici ogni volta che è necessario.

Le modalità Picture-in-picture e Picture-by-picture sono entrambe offerte per confrontare le immagini prima e dopo, e il pannello Nano-IPS include un rivestimento antiriflesso in modo che i bagliori non siano così fastidiosi. Sul retro, troverai le porte per HDMI 2.0, DisplayPort 1.4 e USB-C per gestire le tue connessioni. E mentre lo schermo dell’MSI Prestige PS341WU è extra large, è comunque possibile inclinarlo, ruotarlo o montarlo per ottenere l’angolazione di cui hai bisogno. C’è anche la versione piu’ economica da 32 pollici con risoluzione WQHD.

Dell S2721QS

un monitor economico in Ultra HD / 4k è sicuramente quello prodotto da DELL. Ha due ingressi HDMI e un connettore DisplayPort, manca la connettività USB-C, ma in compenso ci sono due altoparlanti se volete sfruttarlo anche per vedere un film o video.

Dis 27 Dell S2721QS

Price: ---

0 used & new available from

Il pannello anche in questo caso è IPS per una risoluzione Ultra Hd – 4K (3840 x 2160 pixel). Vanta un’immagine incredibilmente nitida, soprattutto considerando che offre questa risoluzione con una diagonale di soli 27 pollici. Dovrai basarti pesantemente sul ridimensionamento dello schermo di Windows, che non funziona molto bene, ma non è colpa del monitor (il ridimensionamento dell’immagine di MacOS funziona meglio). I video, le immagini e l’uso generale in 4K sembrano estremamente nitidi.

È più adatto per coloro che lavorano nello spazio colore sRGB in quanto ha una copertura completa. La sua copertura Adobe RGB è buona, ma potrebbe non essere il top per i professionisti della fotografia, dobbiamo pero’ considerare il prezzo che lo paghiamo. L’accuratezza del colore è già pronta, quindi potrebbe essere necessario calibrarla prima di eseguire qualsiasi lavoro critico per il colore. Ha un tempo di risposta abbastanza buono per un pannello a 60Hz e supporta anche la tecnologia a frequenza di aggiornamento variabile per ridurre il “tearing” dello schermo.